icon

Inietta&Risana

Resina silanoacrilica per sbarramenti chimici contro la risalita d’acqua per capillarità impiegabile ad iniezione o per assorbimento

risana-cop

Descrizione

Resina silano acrilica in grado di penetrare nelle malte di allettamento e nei materiali porosi per realizzare uno strato impermeabile in grado di impedire la risalita d’acqua per capillarità. Il componente silanico conferisce alla barriera caratteristiche idrorepellenti aumentandone l’efficacia.

risana-img-3

Utilizzo

Dopo aver realizzato alla base della muratura una doppia linea di fori distanziati tra loro 15 cm, quasi passanti, (diametro a scelta da 12 a 28 mm), effettuare l’iniezione del formulato utilizzando una pompante, oppure serbatoi con pressione di esercizio variabile da 1.5 a 3 bar. In caso di utilizzo degli iniettori con tappo di chiusura Tecnored, il diametro della perforazione non dovrà essere inferiore ai 20 mm. Il formulato può essere inserito anche a caduta utilizzando imbuti con tubi di collegamento più o meno lunghi in funzione della pressione che si vuole esercitare.

Caratteristiche e precauzioni

Prodotto non infiammabile. Non ingerire. Tenere lontano dalla portata dei bambini. Proteggere accuratamente le pavimentazioni in cotto e pulire subito eventuali tracce del formulato con acqua e/o acido cloridrico diluito.

Consumi

Mediamente occorrono circa 30 litri di TRV300 per il trattamento di un metro di muratura di spessore 100 cm equivalenti a circa 3 metri di muro con spessore di 30 cm. Le quantità intermedie possono essere ottenute per interpolazione prevedendo in ogni caso consumi superiori per murature porose ed inferiori per il trattamento di calcestruzzi “magri” e per le murature in pietra.

Boiacche antisaline

Prima dell’applicazione dei nuovi intonaci risulta di particolare importanza l’applicazione delle boiacche antisaline di sottofondo TRH745 additivate a TRB305, per chiudere definitivamente il ciclo umidità e sali. Senza tali boiacche, infatti, durante l’applicazione del nuovo intonaco, l’acqua dell’impasto potrebbe idratare i sali presenti nella muratura facendoli trasmigrare in superficie durante la fase di asciugatura.

Promuovi Tecnored